Musica e CD


Erodoto Project – "Mythos - Metamorphosis"  line note by Adam Baruch

This album, the third part of the triptych dedicated to the Mediterranean Mythology, finds the quintet led by veteran Italian saxophonist / composer Bob Salmieri augmented by a string trio, creating an ideal vehicle needed to fully express the lyricism and melancholy of the music he and the quintet's pianist / composer Alessandro de Angelis created, based on the epic myths and legends, which constitute the essence of the Mediterranean Culture. 

This common Culture that the Mediterranean People: Greeks, Italians, Israelites and others, share since thousands of years, may seem quite diverse in its richness for people from other parts of the world, but we, the descendants of the region feel this Culture in our Souls. It is therefore not surprising that we share so many common values between us: the love and sanctity of Life, the appreciation of great food and beautiful women, hospitality and immediate bonding between human beings. The mythological figures in our Culture are all surprisingly Human after all – they fall in love, they suffer, they struggle to achieve things and they even die in the process, despite their Godly ancestry. 

It is therefore not surprising to me that Italian Jazz was always so close to my heart, as were Italian Pop and Rock at their best. This kind of music seems to be playing directly on my heart's strings, with a mixture and happiness and sadness that only Italian music is able to reach. It is simply inseparable from the immediate emotions evoked by a Fellini movie, an aria sung by Pavarotti or a doppio espresso in a small coffee bar around Fontana di Trevi. 

But of course this is a kind of music that can and should be enjoyed by every sensitive person around the globe. Its immediate appeal, honesty, melodic beauty and heartwarming embrace simply grab the heart from the very first note and never stop as long as the music is playing. It is surely a piece of music that will stay with the listener in times of sadness and joy, like a good Friend! 

Adam Baruch, April 2020 

www.adambaruch.com


(...)Erodoto Project ci riapre il mondo del jazz+mito mediterraneo ... l'ennesima prova che il JAZZ italiano non esiste , esistono i musicisti italiani che fanno del JAZZ quello che vogliono e meglio di molti altri.

Mariano Equizzi -  Radio Ros Brera

Erodoto Project – Mythos Metamorphosis is the third album release exploring the legacy of the Greek historian, Herodotus, who traveled across the Mediterranean and the Middle East and also known to have spent considerable time living in Southern Italy. The musical vehicle used by the founder of the group, Bob Salmieri on this album as well as the previous two is clearly Jazz. This is a departure from the many years and an impressive output of albums with his group Milagro Acustico. To be honest, I was a little surprised by the move but after presenting primarily “World” music for almost 30 years, I learned to respect and appreciate new musical directions by musician that I enjoy. As “World” music changes and evolve through the years, the musical lines become a little blurry when it comes to define the genre. There are plenty of Mediterranean and Eastern element to some of the tracks. You can hear it clearly in the following tracks; “ifi e lante”, “Siballa Cumana”, “Hiera”, and “Filitis Delle Pirimidi”. The addition of a chamber music string trio via the wonderful “Miro String Trio”, compliments the quintet by adding European Classical elements that works very nicely here.

The main aspects of a successful album, in my personal opinion, are the emotions and the images that the music conjures in your mind and it is happening here very clearly. It brings up images of the Blue Mediterranean sea, The bright Yellow of the Mediterranean sunshine and camaraderie between friends along the seashore. I LOVE these images but I have to admit that growing up very close to the Mediterranean coast makes it a little easier.


Gil Medovoy - TimnaTal Music

“Mythos – Metamorphosis” è terzo capitolo della saga dedicata ai miti e alle leggende del Mediterraneo. Gli Erodoto Profect, affiancati dal prestigioso trio d’archi Mirò, hanno realizzato un disco in cui sono state narrate le struggenti vicende di Aci e Galatea o della Sibilla Cumana raccontate da Ovidio nelle Metamorfosi, qui si trasformano in struggenti ballate jazz, raffinate, in grado di graffiare il cielo nelle notti di luna piena, mentre le città piombano nel sonno, abbracciate da Morfeo. Mentre i giovani continuano a sognare il domani con i calici di vino rosso in mano e un profumo di Mediterraneo sotto le narici che rievoca antiche ritualità, Bob Salmieri e soci hanno imbastito un suggestivo disco con 11 tracce che rievocano scorci di Medio Oriente e quel che resta di epoche classiche mai vissute, dimenticate ma estremamente affascinati, che si perdono nella notte dei tempi, tra le rovine di un templio. Suono, luci e ombre che trascinano l’ascoltatore sotto un cielo privo di stelle e quell’orizzonte ormai sbiadito su cui si prospetta la luna, sempre pronta ad aprire le danze al nuovo giorno.

Angelo Barraco - Trileggo

Cool grooves meet hot chops in this latest release from Italy's Erodoto Project. Despite the emphasis on themes and stories from classical Roman mythology and literature, listeners can expect a thoroughly modern approach to jazz - one that blends various elements into the music as needed.

The Mirò String Trio (Fabiola Gaudio, violin; Lorenzo Rundo, viola; Marco Simonacci, violoncello) adds a moody orchestral touch to Bob Salmieri and his jazz quintet, featuring Salmieri on tenor and soprano sax, ney (a Persian flute) and turkish klarinet, Alessandro de Angelis on keyboards, Maurizio Perrone on contrabass, Giampaolo Scatozza on drums and Carlo Colombo on percussion.
The rhythm section creates the basis for their signature sound, with shimmering cymbals and a nicely delicate sense of rhythmic patterns and changes, and the bass offering melodic walking lines and rhythms that create forward momentum.
The tracks are a compelling mix of moods and rhythmic changes. Meleagro is a laidback composition that highlights fluid keyboard lines and inventive bass counterpoint. Even the drum solo is fluid rather than frenetic, making for a sexy vibe. Lyrically and thematically, the music is inspired by Mediterranean lore, in this case, the Metamorphoses of Ovid.

In Aci e Galatea, the piano and sax play against each other in a musical portrayal of the two lovers of classical Roman mythology. Ifi et Iante (Iphis and Ianthe anglicized) is a hipster take on a complicated tale from the myths. It's not really necessary to know that Iphis was a girl raised as a boy to enjoy the ultra cool vibe of this track, with its sexy sax line and syncopated rhythms.
Traditional and contemporary jazz, and elements of classical European music blend on many of the tracks. The string trio is prominent in Sibilla Cumana, a mesmerizing track with a cinematic sensiblity - I could easily picture a story unfolding on the screen in the compelling music.
Pasiphae, in mythology, one of the more upbeat stories of the classical era. A daughter of the sun god Helios, she was gifted with medical knowledge and a healing gift, and happily married the King of Crete. In music, she's an upbeat track with a nice sense of musical and rhythmic abandon that swells to a crescendo.
Hiera begins like a Baroque era string trio, seguing neatly into a section of breathy flute and piano. It's a surprisingly seamless transition from traditional rhythm and tonality to the freer expression of jazz.
Danza della Luna has a distinctly Latin and Mediterranean flavour, the strings adding a gypsy jazz feel. Filitis delle Pramidi is a standout track, one with a melodic bass line against a harmony of strings and sax.
The album is the third in a triptych by the Erodoto Project dedicated to Medtierranean mythology. All the tracks wer ecomposed by Salmieri along with Allessandro de Angelis.
As the CD liner notes mention, "The mythological figures in our Culture are all surprisingly Human after all – they fall in love, they suffer, they struggle to achieve things and they even die in the process, despite their Godly ancestry."

Anya M Wassenberg - www.artandculturemaven.com

Erodoto Project & Mirò String Trio – Mythos Metamorphosis, 2020
Nomi di luoghi incantati, di miti, e poemi eroici della tradizione classica, di storie di uomini, di incantesimi e semidei, di leggende trascritte, pozioni sonore magiche e tramandate oralmente che esercitano una forte fascinazione. Un racconto epico raschiato su una pergamena ideale attraverso una musica che riesce a creare un perfetto trait d'union tra antico e moderno, tra jazz e sonorità del Sud del mondo, tra Mediterraneo ed Oriente, culla di grandi civiltà che sembrano riecheggiare fra le note di “Mythos Methamorphosis” terzo capitolo della saga musical-poetica narrata da Erodoto Project con la complicità del Mirò String Trio. Sullo sfondo le vicende di Aci e Calatea o della Sibilla Cumana raccontate da Ovidio nelle Metamorfosi. La mitologia ispira un percorso sonoro, fatto di melodiose ballate, sospese ed avvolgenti, dal taglio narrativo quasi cinematografico e man mano che il plot s'infittisce la tensione cresce. La musica di Erodoto Project ha dei tratti somatici e semantici unici e facilmente distinguibili, evoca e stupisce, cattura e conduce l'ascoltatore nei luoghi della memoria, della storia e del mito, attraverso sonorità contaminate che emergono da un mare di suoni. Su una solida architettura jazz s'innestano ritmi latini, echi della cultura siciliana, ambientazioni classicheggianti, profumi e note arabescate. Alla strumentazione tipica del jazz si affiancano i classici strumenti da sezione archi, della tradizione mediterranea, del Medio Oriente e dell'antichità pastorale siciliana. Bob Salmieri ney, sax tenore e soprano e friscalettu, Alessandro de Angelis grand piano e piano Rhodes, Maurizio Perrone contrabbasso, Giampaolo Scatozza batteria, Carlo Colombo percussioni, Fabiola Gaudio violino, Lorenzo Rundo viola e Marco Simonacci violoncello. I richiami all'epica classica e alle antiche leggende Mare Nostrum, cosi come i titoli delle varie tracce, diventano un pretesto, ma anche un punto di partenza per raccontare moderne odissee ed il viaggio perpetuo di tanti Ulisse del terzo millennio alla ricerca di fama e di ventura. La musica è il mare, a volte in tempesta, sospinto da una procella di suoni come una maga che trasforma, altre volte placido e disteso su un letto di note ad indicare una ben precisa rotta verso le sirene incantatrici. Basta l'iniziale “Meleagro” a prendere per mano il fruitore e condurlo in mondo fantastico fatto di forti suggestioni. La voce calda del sax di Bob Salmieri diventa, ripresa dall'evocativo piano di Alessandro De Angelis diventano gli interpreti e si fondono in un unico io narrante, esprimendo un jazz contemporaneo dal gusto internazionale di grossa cilindrata, ma dai tratti fortemente italici. “Aci e Galatea” si arricchisce degli archi che sopraggiungono come freschi getti d'acqua in un eden di ninfe, dove, nel mito, Aci vede trasformare il suo sangue di uomo innamorato in un fiume. “Ifi e Iante”, dove la vicenda di Ifi viene trasportata musicalmente in contesto sonoro moderno e metropolitano, attualizzando la tematica. Narra di una donna costretta in un corpo femminile, ma innamorata di un’altra donna, tanto che gli Dei le concedono di trasformarsi in uomo. “Sibilla Cumana” è una flessuosa ballata dall'aura magica, a cui gli archi conferiscono un ambientazione quasi melodrammatica. “Pasiphae” è un post-bob mid-range declinato con un voce limpida, ma con toni fortemente lirici. “Hierà” affida agli archi il compito della narrazione, che creano un dimensione misteriosa, squarciata da una luce lunare. “Dedalo”, si muove in un labirinto di suoni, dove i cambi di passo e gli umori s'infittiscono, ma sempre con un fare elegante, quasi un sottofondo all'eterno dilemma umano: il perdersi per poi ritrovarsi. Sax e piano giocano da protagonisti, con l'ottimo sostegno della retroguardia ritmica. “Danza della Luna” assume tutti contorni di un antico canto, come quello del pastore errante che vaga nella fitta selva dei propri pensieri; il doppio passo, vagamente “tanghèro” ci riporta in un clima quasi cinematografico. “Cauno e Bibli”, dove lo struggente incedere degli archi descrivono alla perfezione le lacrime di Bibli versate per divenire fonte e far fluire le paturnie degli amanti non corrisposti. Il piano ed il sax innalzano un peana agli dei. “Filitis delle Piramidi” si muove tra il berbero e l'arabesco per creare i contrafforti ad una suggestiva storia da raccontare. Sul finale “Leucosya” chiude il libro dei sogni con un vibrante intreccio che conduce in una dimensione a tratti fiabesca, a tratti divina. “Mythos Metamorphosis” è un contenitore di undici storie ritrovate che, per rinverdirne i fasti, l'Erodoto Poject sceglie una nuova formula descrittiva ed una moderna estetica narrativa che si affida al jazz mediterraneo dagli ampi orizzonti classicheggianti. Le storie e le leggende, i nomi di luoghi e personaggi sono solo uno spunto ed un'iniziale attrattiva, ma è la musica a regalare, costantemente, emozioni. ‎

Francesco Cataldo Verrina - www.ilventuno.com‎ 

Mythos Metamorphosis in uscita il 1 Maggio!

(Cultural Bridge 2020)


Mythos - Metamorphosis”, terzo capitolo della saga dedicata ai miti e alle leggende del Mediterraneo. Le struggenti vicende di Aci e Galatea o della Sibilla Cumana raccontate da Ovidio nelle Metamorfosi, diventano delle toccanti ballate jazz, oniriche, raffinate e sensuali. Erodoto Project viene affiancato in questo nuovo progetto dal prestigioso trio d’archi Mirò.
La musica di Erodoto Project è evocativa, contaminata dalle atmosfere e dalle melodie della Sicilia e dalla musica latina, caratteristica unica nel panorama jazzistico italiano. Alla strumentazione classica del jazz, si affiancano strumenti come viola, violino e violoncello e strumenti della tradizione mediterranea come il ney, flauto rituale del Medio Oriente e il friscalettu, flauto dei pastori siciliani. I richiami alla epica classica e alle leggende del Mediterraneo, sono un pretesto per raccontare le odissee contemporanee, dei nuovi “Ulisse”, che solcano oggi, le rotte antiche del Mediterraneo.
 
Bob Salmieri:  ney, sax tenore e soprano, friscalettu
Alessandro de Angelis:  grand piano, piano rhodes
Maurizio Perrone : contrabbasso
Giampaolo Scatozza : batteria
Carlo Colombo : percussioni

Mirò String Trio

Fabiola Gaudio : violino
Lorenzo Rundo : viola
Marco Simonacci :violoncello

Anteprima  
SAB 12 DIC 2020 | 21:00 | Auditorium Parco della Musica

Erodoto Project features mainstays Bob Salmieri and Alessandro de Angelis and is named after the Italian translation of Herodotus. Erodoto is perhaps the first curious reporter, trying to fathom the history of the Mediterranean.

Here, the band is enhanced with Murizio Perrone on double bass, Giampaolo Scatozza on drums, Carlo Colombo on percussion and the Miro String Trio including Fabiola Gaudio on violin, Lorenzo Rundo on viola and Marco Simonacci on violoncello.

Mythos – Metamorphosis is the third chapter of Erodoto Project’s saga dedicated to the myths and legends of the Mediterranean, following Lands, Men and Gods and Molon Labe (Come and Get Them).

Due on May 1, 2020 via Cultural Bridge, the album begins with the sax-led “Meleagro,” which features a melodic line that rises and falls, shading out to allow an extensive Rhodes solo in the central section that’s supported by the rest of Erodoto Project. Bob Salmieri’s sax then re-enters and makes way quickly for Giampaolo Scatozza’s drum solo, before the theme is re-introduced first by bass and then by the sax, taking the piece to a calm ending.

“Aci e Galatea” is based on the poignant events of Aci and Galatea, where the jealous Cyclops slays the mortal Acis, beloved of the sea nymph Galatea; she then transforms Acis’ blood into the shape of a river spirit. The song introduces a slightly off-beat melody over Maurizio Perrone’s wonderful flowing bass and Carlo Colombo’s light percussion. Keyboard takes the lead for much of “Aci e Galatea” and, at times, the hammered strings of Alessandro de Angelis’ piano create a lovely contrast with the bowed, deep strings of bass. The melody sings and sighs overhead, playing with and changing the basic rhythm patterns in the theme. Each instrument seems to take a character from the tale.

“Ifi e Iante” is an easy going, strolling number. Into the laid back theme are introduced changes of tempo, as Erodoto Project sashays along. The interesting harmonics of the Rhodes are superseded by Bob Salmieri’s sax once again, taking the lead and taking the number up with easy riffs and phrasing. “Siballa Cumana” is atmospheric and based on tales of a priestess who oversaw the oracle of Apollo at the Greek colony of Cumae, near Naples. The track explores Eastern overtones and some string additions which completely blindside the listener, coupled as they are over the sultry woodwind and all in a 3/4 rhythm pattern.

Erodoto Project’s “Pasiphae,” on the other hand, is more conventional with strong rhythmic patterns, and harmonic sections between piano and tenor. The percussive elements add another dimension. Alternating changes between piano and sax led sections are intriguing, as is the open arrangement with plenty of space in the weave of patterns. “Hiera” begins with the string trio in gentle three-part harmony before the ney introduces a Middle Eastern influence. The piece is then led by Alessandro de Angelis’ piano over Scatozza’s drums, so the essence changes again. Strings and ney bring the track to its conclusion, and there is a sense here of cultures mingling.

“Dedalo” is another gentle meander of sax-led phrases, interspersed with a Rhodes solo, while “Danza Della Luna” is a mild-mannered dance piece aided and abetted by some gorgeous string works. The flute once more introduces an Eastern feel. “Cauno e Bibli” is a romance between wood and strings with de Angelis’ piano acting as chaperone, occasionally leading a section but largely leaving it to the strings and sax, which make a more than a fine job of the number. There is a melody which is repeated and heard throughout, played by different instruments, including Marco Simonacci’s wonderfully sensual cello.

“Filitis Delle Pirimidi” is a lively track with a swing to it and an Eastern caress to the arrangement, while Erodoto Project’s “Leucosya” is wonderful, with the viola and violin echoing phrases over continual chordal ascensions and descents from piano. The soprano joins and the cello sings, before the rest take the melody again, shifting rhythms and sharing the phrases. A change of pace sees a slower Alessandro de Angelis-led section over drums, and later strings, before everyone is in and the piece meanders to its close.

Based on tales related by Ovid, a Roman poet and a contemporary of Virgil and Horace, Mythos – Metamorphosis covers a wide range of cultures – emphasizing the multicultural influences of Italy. There is a dreamlike quality to the sound which Erodoto Project creates, and a sensuality. Through the album, there is a sense of cultures meeting, sometimes sitting alongside each other in blissful harmonies and at other times not really working, but it is part of a story – and the tale itself is what is important.

Erodoto Project’s classical jazz instrumentation is flanked by the strings and instruments from the Middle East like the ney, a ritual flute. At times, it sits on the ears so easily that the attention wanders, but overall, Mythos – Metamorphosis is lyrical and narrative, filled with flavors and tastes which make listening to it fire the imagination.
Sammy Stein  - Something Else !

Prosegue il viaggio di Erodoto Project tra i miti e le leggende del Mediterraneo. Con “Mythos- Metamorphosis” (Cultural Bridge 2020) giunge al terzo capitolo dopo “Stories: Lands, Men And Gods” (2016) e “Molòn Labè” (2018). Questa volta l’avventura è ancora più ardua: prova a mettersi nei panni di Ulisse che affronta il canto tentatore delle sirene, con il risultato di riuscire a sopravvivere anzi di trasformarsi in sirena esso stesso. La trasformazione, il passaggio da una forma all’altra, le Metamorfosi appunto, di cui intende onorare le tematiche. Bob Salmieri, con il suono dei suoi strumenti, le sue partiture, la collaborazione dei suoi fidi musicisti e il prestigioso contributo del Trio d’archi Mirò, ci guida in questo emisfero musicale costituito da una forma libera di jazz che si fa contaminare dalle molteplici sonorità provenienti dai paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Si fa canto irresistibile di sirena per condurci dolcemente (non come farebbero le leggendarie sirene) a una sorta di abbandono della personalità per essere testimoni di un cambiamento interiore.
Essere sirene noi stessi ascoltatori e, appunto, come le sirene, vittime e beneficiare di una trasformazione. Per riuscire a interpretare i vaticini della Sibilla, per immedesimarsi nel mito di Aci che vede trasformare il suo sangue di uomo innamorato in fiume, o quello di Ifi, una donna costretta in un corpo femminile talmente innamorata di un’altra donna che gli Dei le concedono di trasformarsi in uomo. O ancora scorrere insieme alle lacrime di Bibli per divenire fonte e far fluire i nostri dolori di amanti non corrisposti. Per ogni trasformazione essenziale ed esistenziale bisogna affrontare il labirinto del Minotauro, perdersi e ritrovarsi. Ogni trasformazione è veicolata dall’amore vero ed è il forte e profondo sentimento umano a commuovere gli Dei che concedono il consenso alla trasformazione. Erodoto Project con queste undici tracce riesce a modulare e ritrasmettere le frequenze del sentimento con estrema sensibilità danzando per aggraziarsi i raggi lunari e godere del lume dei suoi misteri.

Gabriele Peritore - Magazzini Inesistenti

Bob Salmieri al sassofono tenore e soprano, ney e clarinetto turco; Alessandro De Angelis al pianoforte e al Rhodes; Maurizio Perrone al contrabbasso; Giampaolo Scatozza alla batteria, e Carlo Colombo alle percussioni. Questo è il quintetto che forma l’Erodoto Project, una formazione che oserei definire “warm jazz”, in contrapposizione al cool jazz, a quella freddezza e pacatezza che caratterizzava un certa contrapposizione stilistica di qualche decade fa, nell’epoca del bebop. Lasciando da parte l’antica questione, questo jazz appare warm, caldo, caloroso, perché nonostante il virtuosismo dei musicisti (in particolare del pianista), c’è sempre un’attenzione per l’emotività espressa, una narrazione astratta, che trae spunto dalla mitologia, per la terza volta. L’album “Mythos – Metamorphosis” è l’ultimo di una trilogia dedicata ai miti mediterranei. Non a caso, loro definiscono la loro musica “jazz mediterraneo”. “Meleagro” apre l’odissea con un 9/4. Alla fine del complicato assolo di pianoforte, Salmieri lo raggiunge con il sax ricalcando pedissequamente le ultime rapide note: ciò fa intuire che anche le parti solistiche non siano del tutto improvvisate. In “Aci e Galatea”, il batterista si diverte a modificare il ritmo, disorientando l’ascoltatore, e l’intervento del sax soprano è mellifluo, carico di pathos. “Ifi e Iante” è invece più densa di vivacità serale, complici le percussioni. “Sibilla Cumana” è una composizione che prevede anche l’intervento del Mirò Strings Trio: Fabiola Gaudio al violino, Lorenzo Rundo alla viola, Marco Simonacci al violoncello. Il trio comunica col quintetto in un lento fluire di tensione febbrile. Con “Pasiphae” si torna ad un ritmo incalzante, e a giochi armonici intriganti. In “Hierà” possiamo ascoltare il ney, un tipico flauto iraniano (precisamente “persiano”), dal suono particolarmente brillante ed emozionale. “Dedalo”, grazie all’uso del Rhodes, ci conduce in un tintinnante sogno, nel clima di... quando Lupin apre un caveau pieno di dobloni luccicanti. Il batterista ancora una volta si diverte a cambiare ritmo, stavolta in modi molteplici e repentini, rendendo il sogno surreale. “Danza della Luna” non è una bossa, ma ha un lontano sentore latino americano. Violino e sax si trovano ad armonizzare insieme, per ottenere un terzo suono colorato. Curiosità in “Cauno e Bibli”: nella melodia c’è un richiamo, troppo esplicito per essere casuale, all’inizio di “Bella Ciao”. Non sappiamo se sia voluto e/o se abbia qualche affinità con la tragica vicenda di Bibli e il suo amore impossibile. “Filitis delle Piramidi” supporta una certa malinconia di violino, sostenuta da un ritmo gentile ma incessante. E qui Scatozza ha lo spazio per improvvisare su fusti e piatti. La sirena salernitana “Leucosya” chiude l’album, in una sospensione impalpabile quanto movimentata. Gli Erodoto Project ci salutano, facendo immaginare che dopo aver suonato si ritrovino a cenare in una tavolata di fronte agli scogli.

  Gilberto Ongaro - MusicMap


Molòn labè

(Cultural Bridge 2018) 



Molòn labé, letteralmente "vieni a prendere", è una classica espressione di sfida, pronunciata da coloro che, neppure davanti a una sconfitta inevitabile, perdono la propria dignità. Secondo Plutarco, fu pronunciata alle Termopili da Leonida I, re di Sparta, ai suoi 300 soldati, in risposta alla richiesta di consegnare le armi avanzata dal re persiano Serse, al comando del più grande esercito mai visto, durante la battaglia delle Termopili. I richiami alla epica classica sono un pretesto per raccontare l' Odissea contemporanee dei nuovi “Ulisse”, che solcano oggi, le rotte antiche del Mediterraneo, evocando storie del passato remoto, così simili per molti versi, alle storie dei migranti del nostro tempo.


Bob Salmieri: Tenor e soprano sax, nei, tambur, daf

Alessandro de Angelis: Grand piano, Rhodes piano

Marco Loddo: Doublebass

Giampaolo Scatozza: Drums

Carlo Colombo: Percussions


...Bob Salmieri con il suo sassofono possiede il soffio vitale in grado di scaldare il cuore di ogni terra. Indagare a fondo per fiutare le differenze tra cuore e cuore e trovare i filoni disseccati delle similitudini; individuarne di altri, aprirne nuovi per far fluire più sangue, per tenerlo sospeso, come oggetto prezioso, per permettergli di emettere liberamente e eternamente le sue pulsazioni, i suoi ritmi. Un percorso basato sul dialogo interculturale in musica(...) 

Capitan Delirio - Magazzini Inesistenti

(...) “Molòn Labè è un album che esprime tutto il fascino del jazz mediterraneo, figlio anche di strumenti appartenenti ad altre tradizioni come il ney e il daf, e che conferma il grande talento del quintetto. “Molòn Labè (Come And Get Them!)” è un altro ottimo lavoro in un anno molto roseo per il jazz italiano.(...) 

Piergiuseppe Lippolis - Music Map

(...)The music is a lush, sensuous and beautifully melodic European Jazz with a strong Mediterranean and to some extent Latin feeling. The compositions are all excellent, with typical Italian Jazz harmonic sweetness, which is simply heartbreaking. This music is here to caress and explore the beauty of the tunes, without trying to impress or overwhelm. The masterly balance between the accessibility of this music and its elegance is achieved in full, without compromising the artistic Jazz values.(...) 

Adam Baruch - The Soundtrack of my life

 (...) un disco che ci ha dischiuso le orecchie ad un Jazz Italiano che ha delle corde esotiche perfettamente arrangiate in pattern mai banali .(...)
Mariano Equizzi - Radio Ros Brera



Stories: Lands, Men & Gods

Il primo album di Erodoto Project (Cultural Bridge 2016)



La Sicilia  - Leonardo Lodato

...Cosicché gli undici brani tratteggiano un orizzonte in cui il jazz è infuso di suggestioni ritmiche e melodiche provenienti dalle sponde sonore del “piccolo mare”.(...)

Ciro de Rosa  -Blogfolk

...Questo nuovo progetto di Bob Salmieri, etichettato come "eastern mediterranean jazz", si rivela opera di gran classe.(...)

Lineatrad

...Il loro è un “jazz mediterraneo”, tra il Medio Oriente e la Sicilia, nel quale l’uso di strumenti come il Ney e le Congas, crea un sound originale ma facilmente riconoscibile, che riporta alla mente già al primo ascolto le atmosfere e i profumi dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo.(...) 

Music map - Francesco Arcudi

...Quello che colpisce poi, è l'ottima tecnica e l'inventiva dei vari musicisti coinvolti(...) Insomma, un lavoro che apre nuovi orizzonti nel creativo percorso di Salmieri (ma non solo) e che vuole essere una testimonianza musicale di storie, viaggi ed incontri alla maniera di Erodoto. (...)

Raropiù - Tonino Merolli

...Ci sono dei momenti dell’album in cui la sintonia tra i musicisti tocca vertici da capogiro e provoca brividi a fior di pelle.(...)

Magazzini Inesistenti - Capitan Delirio


CONTINUA A LEGGERE COSA DICE LA STAMPA