STAMPA


Erodoto Project features mainstays Bob Salmieri and Alessandro de Angelis and is named after the Italian translation of Herodotus. Erodoto is perhaps the first curious reporter, trying to fathom the history of the Mediterranean.
Here, the band is enhanced with Murizio Perrone on double bass, Giampaolo Scatozza on drums, Carlo Colombo on percussion and the Miro String Trio including Fabiola Gaudio on violin, Lorenzo Rundo on viola and Marco Simonacci on violoncello.

Mythos – Metamorphosis is the third chapter of Erodoto Project’s saga dedicated to the myths and legends of the Mediterranean, following Lands, Men and Gods and Molon Labe (Come and Get Them).
Due on May 1, 2020 via Cultural Bridge, the album begins with the sax-led “Meleagro,” which features a melodic line that rises and falls, shading out to allow an extensive Rhodes solo in the central section that’s supported by the rest of Erodoto Project. Bob Salmieri’s sax then re-enters and makes way quickly for Giampaolo Scatozza’s drum solo, before the theme is re-introduced first by bass and then by the sax, taking the piece to a calm ending.
“Aci e Galatea” is based on the poignant events of Aci and Galatea, where the jealous Cyclops slays the mortal Acis, beloved of the sea nymph Galatea; she then transforms Acis’ blood into the shape of a river spirit. The song introduces a slightly off-beat melody over Maurizio Perrone’s wonderful flowing bass and Carlo Colombo’s light percussion. Keyboard takes the lead for much of “Aci e Galatea” and, at times, the hammered strings of Alessandro de Angelis’ piano create a lovely contrast with the bowed, deep strings of bass. The melody sings and sighs overhead, playing with and changing the basic rhythm patterns in the theme. Each instrument seems to take a character from the tale.
“Ifi e Iante” is an easy going, strolling number. Into the laid back theme are introduced changes of tempo, as Erodoto Project sashays along. The interesting harmonics of the Rhodes are superseded by Bob Salmieri’s sax once again, taking the lead and taking the number up with easy riffs and phrasing. “Siballa Cumana” is atmospheric and based on tales of a priestess who oversaw the oracle of Apollo at the Greek colony of Cumae, near Naples. The track explores Eastern overtones and some string additions which completely blindside the listener, coupled as they are over the sultry woodwind and all in a 3/4 rhythm pattern.
Erodoto Project’s “Pasiphae,” on the other hand, is more conventional with strong rhythmic patterns, and harmonic sections between piano and tenor. The percussive elements add another dimension. Alternating changes between piano and sax led sections are intriguing, as is the open arrangement with plenty of space in the weave of patterns. “Hiera” begins with the string trio in gentle three-part harmony before the ney introduces a Middle Eastern influence. The piece is then led by Alessandro de Angelis’ piano over Scatozza’s drums, so the essence changes again. Strings and ney bring the track to its conclusion, and there is a sense here of cultures mingling.
“Dedalo” is another gentle meander of sax-led phrases, interspersed with a Rhodes solo, while “Danza Della Luna” is a mild-mannered dance piece aided and abetted by some gorgeous string works. The flute once more introduces an Eastern feel. “Cauno e Bibli” is a romance between wood and strings with de Angelis’ piano acting as chaperone, occasionally leading a section but largely leaving it to the strings and sax, which make a more than a fine job of the number. There is a melody which is repeated and heard throughout, played by different instruments, including Marco Simonacci’s wonderfully sensual cello.
“Filitis Delle Pirimidi” is a lively track with a swing to it and an Eastern caress to the arrangement, while Erodoto Project’s “Leucosya” is wonderful, with the viola and violin echoing phrases over continual chordal ascensions and descents from piano. The soprano joins and the cello sings, before the rest take the melody again, shifting rhythms and sharing the phrases. A change of pace sees a slower Alessandro de Angelis-led section over drums, and later strings, before everyone is in and the piece meanders to its close.
Based on tales related by Ovid, a Roman poet and a contemporary of Virgil and Horace, Mythos – Metamorphosis covers a wide range of cultures – emphasizing the multicultural influences of Italy. There is a dreamlike quality to the sound which Erodoto Project creates, and a sensuality. Through the album, there is a sense of cultures meeting, sometimes sitting alongside each other in blissful harmonies and at other times not really working, but it is part of a story – and the tale itself is what is important.
Erodoto Project’s classical jazz instrumentation is flanked by the strings and instruments from the Middle East like the ney, a ritual flute. At times, it sits on the ears so easily that the attention wanders, but overall, Mythos – Metamorphosis is lyrical and narrative, filled with flavors and tastes which make listening to it fire the imagination.
Sammy Stein - Something Else !

Cool grooves meet hot chops in this latest release from Italy's Erodoto Project. Despite the emphasis on themes and stories from classical Roman mythology and literature, listeners can expect a thoroughly modern approach to jazz - one that blends various elements into the music as needed.

The Mirò String Trio (Fabiola Gaudio, violin; Lorenzo Rundo, viola; Marco Simonacci, violoncello) adds a moody orchestral touch to Bob Salmieri and his jazz quintet, featuring Salmieri on tenor and soprano sax, ney (a Persian flute) and turkish klarinet, Alessandro de Angelis on keyboards, Maurizio Perrone on contrabass, Giampaolo Scatozza on drums and Carlo Colombo on percussion.
The rhythm section creates the basis for their signature sound, with shimmering cymbals and a nicely delicate sense of rhythmic patterns and changes, and the bass offering melodic walking lines and rhythms that create forward momentum.
The tracks are a compelling mix of moods and rhythmic changes. Meleagro is a laidback composition that highlights fluid keyboard lines and inventive bass counterpoint. Even the drum solo is fluid rather than frenetic, making for a sexy vibe. Lyrically and thematically, the music is inspired by Mediterranean lore, in this case, the Metamorphoses of Ovid. 

In Aci e Galatea, the piano and sax play against each other in a musical portrayal of the two lovers of classical Roman mythology. Ifi et Iante (Iphis and Ianthe anglicized) is a hipster take on a complicated tale from the myths. It's not really necessary to know that Iphis was a girl raised as a boy to enjoy the ultra cool vibe of this track, with its sexy sax line and syncopated rhythms.
Traditional and contemporary jazz, and elements of classical European music blend on many of the tracks. The string trio is prominent in Sibilla Cumana, a mesmerizing track with a cinematic sensiblity - I could easily picture a story unfolding on the screen in the compelling music.
Pasiphae, in mythology, one of the more upbeat stories of the classical era. A daughter of the sun god Helios, she was gifted with medical knowledge and a healing gift, and happily married the King of Crete. In music, she's an upbeat track with a nice sense of musical and rhythmic abandon that swells to a crescendo.
Hiera begins like a Baroque era string trio, seguing neatly into a section of breathy flute and piano. It's a surprisingly seamless transition from traditional rhythm and tonality to the freer expression of jazz.
Danza della Luna has a distinctly Latin and Mediterranean flavour, the strings adding a gypsy jazz feel. Filitis delle Pramidi is a standout track, one with a melodic bass line against a harmony of strings and sax.
The album is the third in a triptych by the Erodoto Project dedicated to Medtierranean mythology. All the tracks wer ecomposed by Salmieri along with Allessandro de Angelis.
As the CD liner notes mention, "The mythological figures in our Culture are all surprisingly Human after all – they fall in love, they suffer, they struggle to achieve things and they even die in the process, despite their Godly ancestry."

Anya M Wassenberg - www.artandculturemaven.com




Abbiamo seguito il corso di Erodoto Project fin dall’inizio, registrando - con una soddisfazione da ascoltatori e non solo da analisti - quanta bellezza si possa scovare nel Mediterraneo. Non solo sul piano strettamente musicale - il cui valore, va da sé, non sfugge a nessun osservatore - ma anche su quello della ricerca, della lettura. Cioè di quell’insieme di forme di incontro che ci aprono non tanto all’altro, non tanto a un’alterità che ci immaginiamo per tradizione, supposta vocazione e (anche) per consolazione. A quelle forme di avvicinamento che ci spingono a riflettere sulle articolazioni infinite della cultura espressiva, che è presa e ripresa mille volte dentro il ciclo delle relazioni, di quegli sguardi che riescono a osservare e ad assorbire, senza incapsulare o decifrare affannosamente ogni minimo sibilo. Siamo nel Mediterraneo - questi musicisti raffinatissimi lo sottolineano e come, e a ragione, vista la sua vera vastità - e sembra di scoprire (non di riscoprire) a ogni passo un suono nuovo, un argomento nuovo, una nuova forma degli argomenti che ci hanno sedimentato una parte della coscienza, della vita, dello sguardo. Non è solo la musica - per ribadire la centralità dello sguardo - perché ciò che conta è la visione. Ciò che vale davvero è la disposizione di chi osserva ciò che lo circonda. E così il mare più narrato e solcato ci lascia ancora inventare: si lascia, senza nessuna contrazione, tradurre e raccontare, alzando gli angoli per farne uscire tesori. Erodoto Project - non certo a caso guidato da Bob Salmieri, sassofonista, autore e polistrumentista, oltre che animatore dello storico Milagro Acustico, che qui consolida il sodalizio con il pianista e autore Alessandro de Angelis, e coinvolge il Mirò String Trio - si butta su un jazz “mediterraneo” (per capirci), annusando fino in fondo le particelle di quel bacino dove si è perso Ulisse, colmo all’inverosimile di dei, sirene, ninfe, maghe, magie, tempeste e (ovviamente) confini. Ma ogni confine ha diverse variabili, perché, al di là della sua fisicità è anche un simbolo (o un insieme di simboli), è soggetto a interpretazioni legate alla storia, all’esperienza, alla sensibilità: fino a dove si vede, ci dicono i greci, possiamo andare e, fino a lì, riempiamo ogni angolo di persone, di scambi, di storie, linguaggi, architetture, messaggi e magie. Oltre ciò che si vede, si vedrà: ci si può anche accontentare di un mare così magico, ma si può anche mandare qualcuno a esplorare. Erodoto Project - guarda un pò come viene in aiuto l’onomastica - si sporge a guardare, tanto pago di ciò che vede quanto curioso di ciò che sente. Perché se la metamorfosi - di cui si occupa l’ensemble, insieme al mito, per tramite degli undici brani in scaletta - interessa le forme (visibili e non) delle cose e delle anime, evidentemente colpisce anche quei confini di cui sopra. Che, proprio attraverso lo sguardo si aprono a interpretazioni rinnovabili. Allora perché non suonarne le odi oggi attraverso un approccio multiforme: il jazz soffuso e sinuoso in sottofondo, nelle strutture, il timbro articolato con strumenti che, nel loro insieme e attraverso la loro compresenza, riflettono il nervo di quelle variabili (sassofono, pianoforte, contrabbasso, batteria, viola, violino, violoncello e vibrafono, ma anche friscalettu, ney e piano rhodes), melodie limpide, ritmi chiari e densi, suoni pieni, dolci e dinamici. Ecco che il racconto dell’ensemble assume i tratti pieni della storia, così come di ciò che si è visto e immaginato, senza filtri (al contrario di ciò che possono pensare i jazzisti) e senza formalismi che irrigidiscono le esecuzioni (come possono pensare i tradizionalisti). Ed ecco che, per concludere, il repertorio proposto in “Mythos Metamorphosis” ci avvolge con le sue molteplici “voci” narranti, ma ci appassiona anche attraverso i titoli dei brani. Perchè sembrano i capitoli di un’epopea mai finita, anzi in pieno svolgimento: “Aci e Galatea”, “Ifi e Iante”, “Sibilla Cumana”, “Dedalo”, “Leucosya”.

Daniele Cestellini - Blogfoolk.com

This album, the third part of the triptych dedicated to the Mediterranean Mythology, finds the quintet led by veteran Italian saxophonist / composer Bob Salmieri augmented by a string trio, creating an ideal vehicle needed to fully express the lyricism and melancholy of the music he and the quintet's pianist / composer Alessandro de Angelis created, based on the epic myths and legends, which constitute the essence of the Mediterranean Culture.

This common Culture that the Mediterranean People: Greeks, Italians, Israelites and others, share since thousands of years, may seem quite diverse in its richness for people from other parts of the world, but we, the descendants of the region feel this Culture in our Souls. It is therefore not surprising that we share so many common values between us: the love and sanctity of Life, the appreciation of great food and beautiful women, hospitality and immediate bonding between human beings. The mythological figures in our Culture are all surprisingly Human after all – they fall in love, they suffer, they struggle to achieve things and they even die in the process, despite their Godly ancestry.

It is therefore not surprising to me that Italian Jazz was always so close to my heart, as were Italian Pop and Rock at their best. This kind of music seems to be playing directly on my heart's strings, with a mixture and happiness and sadness that only Italian music is able to reach. It is simply inseparable from the immediate emotions evoked by a Fellini movie, an aria sung by Pavarotti or a doppio espresso in a small coffee bar around Fontana di Trevi.

But of course this is a kind of music that can and should be enjoyed by every sensitive person around the globe. Its immediate appeal, honesty, melodic beauty and heartwarming embrace simply grab the heart from the very first note and never stop as long as the music is playing. It is surely a piece of music that will stay with the listener in times of sadness and joy, like a good Friend!

Adam Baruch, April 2020 

www.adambaruch.com


(...)Erodoto Project ci riapre il mondo del jazz+mito mediterraneo ... l'ennesima prova che il JAZZ italiano non esiste , esistono i musicisti italiani che fanno del JAZZ quello che vogliono e meglio di molti altri.

Mariano Equizzi -  Radio Ros Brera


Erodoto Project – Mythos Metamorphosis is the third album release exploring the legacy of the Greek historian, Herodotus, who traveled across the Mediterranean and the Middle East and also known to have spent considerable time living in Southern Italy. The musical vehicle used by the founder of the group, Bob Salmieri on this album as well as the previous two is clearly Jazz. This is a departure from the many years and an impressive output of albums with his group Milagro Acustico. To be honest, I was a little surprised by the move but after presenting primarily “World” music for almost 30 years, I learned to respect and appreciate new musical directions by musician that I enjoy. As “World” music changes and evolve through the years, the musical lines become a little blurry when it comes to define the genre. There are plenty of Mediterranean and Eastern element to some of the tracks. You can hear it clearly in the following tracks; “ifi e lante”, “Siballa Cumana”, “Hiera”, and “Filitis Delle Pirimidi”. The addition of a chamber music string trio via the wonderful “Miro String Trio”, compliments the quintet by adding European Classical elements that works very nicely here.

The main aspects of a successful album, in my personal opinion, are the emotions and the images that the music conjures in your mind and it is happening here very clearly. It brings up images of the Blue Mediterranean sea, The bright Yellow of the Mediterranean sunshine and camaraderie between friends along the seashore. I LOVE these images but I have to admit that growing up very close to the Mediterranean coast makes it a little easier.

Gil Medovoy - TimnaTal Music

“Mythos – Metamorphosis” è terzo capitolo della saga dedicata ai miti e alle leggende del Mediterraneo. Gli Erodoto Profect, affiancati dal prestigioso trio d’archi Mirò, hanno realizzato un disco in cui sono state narrate le struggenti vicende di Aci e Galatea o della Sibilla Cumana raccontate da Ovidio nelle Metamorfosi, qui si trasformano in struggenti ballate jazz, raffinate, in grado di graffiare il cielo nelle notti di luna piena, mentre le città piombano nel sonno, abbracciate da Morfeo. Mentre i giovani continuano a sognare il domani con i calici di vino rosso in mano e un profumo di Mediterraneo sotto le narici che rievoca antiche ritualità, Bob Salmieri e soci hanno imbastito un suggestivo disco con 11 tracce che rievocano scorci di Medio Oriente e quel che resta di epoche classiche mai vissute, dimenticate ma estremamente affascinati, che si perdono nella notte dei tempi, tra le rovine di un templio. Suono, luci e ombre che trascinano l’ascoltatore sotto un cielo privo di stelle e quell’orizzonte ormai sbiadito su cui si prospetta la luna, sempre pronta ad aprire le danze al nuovo giorno.

Angelo Barraco - Trileggo

Prosegue il viaggio di Erodoto Project tra i miti e le leggende del Mediterraneo. Con “Mythos- Metamorphosis” (Cultural Bridge 2020) giunge al terzo capitolo dopo “Stories: Lands, Men And Gods” (2016) e “Molòn Labè” (2017). Questa volta l’avventura è ancora più ardua: prova a mettersi nei panni di Ulisse che affronta il canto tentatore delle sirene, con il risultato di riuscire a sopravvivere anzi di trasformarsi in sirena esso stesso. La trasformazione, il passaggio da una forma all’altra, le Metamorfosi appunto, di cui intende onorare le tematiche. Bob Salmieri, con il suono dei suoi strumenti, le sue partiture, la collaborazione dei suoi fidi musicisti e il prestigioso contributo del Trio d’archi Mirò, ci guida in questo emisfero musicale costituito da una forma libera di jazz che si fa contaminare dalle molteplici sonorità provenienti dai paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Si fa canto irresistibile di sirena per condurci dolcemente (non come farebbero le leggendarie sirene) a una sorta di abbandono della personalità per essere testimoni di un cambiamento interiore.
Essere sirene noi stessi ascoltatori e, appunto, come le sirene, vittime e beneficiare di una trasformazione. Per riuscire a interpretare i vaticini della Sibilla, per immedesimarsi nel mito di Aci che vede trasformare il suo sangue di uomo innamorato in fiume, o quello di Ifi, una donna costretta in un corpo femminile talmente innamorata di un’altra donna che gli Dei le concedono di trasformarsi in uomo. O ancora scorrere insieme alle lacrime di Bibli per divenire fonte e far fluire i nostri dolori di amanti non corrisposti. Per ogni trasformazione essenziale ed esistenziale bisogna affrontare il labirinto del Minotauro, perdersi e ritrovarsi. Ogni trasformazione è veicolata dall’amore vero ed è il forte e profondo sentimento umano a commuovere gli Dei che concedono il consenso alla trasformazione. Erodoto Project con queste undici tracce riesce a modulare e ritrasmettere le frequenze del sentimento con estrema sensibilità danzando per aggraziarsi i raggi lunari e godere del lume dei suoi misteri.


Gabriele Peritore - Magazzini Inesistenti

Bob Salmieri al sassofono tenore e soprano, ney e clarinetto turco; Alessandro De Angelis al pianoforte e al Rhodes; Maurizio Perrone al contrabbasso; Giampaolo Scatozza alla batteria, e Carlo Colombo alle percussioni. Questo è il quintetto che forma l’Erodoto Project, una formazione che oserei definire “warm jazz”, in contrapposizione al cool jazz, a quella freddezza e pacatezza che caratterizzava un certa contrapposizione stilistica di qualche decade fa, nell’epoca del bebop. Lasciando da parte l’antica questione, questo jazz appare warm, caldo, caloroso, perché nonostante il virtuosismo dei musicisti (in particolare del pianista), c’è sempre un’attenzione per l’emotività espressa, una narrazione astratta, che trae spunto dalla mitologia, per la terza volta. L’album “Mythos – Metamorphosis” è l’ultimo di una trilogia dedicata ai miti mediterranei. Non a caso, loro definiscono la loro musica “jazz mediterraneo”. “Meleagro” apre l’odissea con un 9/4. Alla fine del complicato assolo di pianoforte, Salmieri lo raggiunge con il sax ricalcando pedissequamente le ultime rapide note: ciò fa intuire che anche le parti solistiche non siano del tutto improvvisate. In “Aci e Galatea”, il batterista si diverte a modificare il ritmo, disorientando l’ascoltatore, e l’intervento del sax soprano è mellifluo, carico di pathos. “Ifi e Iante” è invece più densa di vivacità serale, complici le percussioni. “Sibilla Cumana” è una composizione che prevede anche l’intervento del Mirò Strings Trio: Fabiola Gaudio al violino, Lorenzo Rundo alla viola, Marco Simonacci al violoncello. Il trio comunica col quintetto in un lento fluire di tensione febbrile. Con “Pasiphae” si torna ad un ritmo incalzante, e a giochi armonici intriganti. In “Hierà” possiamo ascoltare il ney, un tipico flauto iraniano (precisamente “persiano”), dal suono particolarmente brillante ed emozionale. “Dedalo”, grazie all’uso del Rhodes, ci conduce in un tintinnante sogno, nel clima di... quando Lupin apre un caveau pieno di dobloni luccicanti. Il batterista ancora una volta si diverte a cambiare ritmo, stavolta in modi molteplici e repentini, rendendo il sogno surreale. “Danza della Luna” non è una bossa, ma ha un lontano sentore latino americano. Violino e sax si trovano ad armonizzare insieme, per ottenere un terzo suono colorato. Curiosità in “Cauno e Bibli”: nella melodia c’è un richiamo, troppo esplicito per essere casuale, all’inizio di “Bella Ciao”. Non sappiamo se sia voluto e/o se abbia qualche affinità con la tragica vicenda di Bibli e il suo amore impossibile. “Filitis delle Piramidi” supporta una certa malinconia di violino, sostenuta da un ritmo gentile ma incessante. E qui Scatozza ha lo spazio per improvvisare su fusti e piatti. La sirena salernitana “Leucosya” chiude l’album, in una sospensione impalpabile quanto movimentata. Gli Erodoto Project ci salutano, facendo immaginare che dopo aver suonato si ritrovino a cenare in una tavolata di fronte agli scogli.

  Gilberto Ongaro - MusicMap

Erodoto Project & Mirò String Trio – Mythos Metamorphosis, 2020
Nomi di luoghi incantati, di miti, e poemi eroici della tradizione classica, di storie di uomini, di incantesimi e semidei, di leggende trascritte, pozioni sonore magiche e tramandate oralmente che esercitano una forte fascinazione. Un racconto epico raschiato su una pergamena ideale attraverso una musica che riesce a creare un perfetto trait d'union tra antico e moderno, tra jazz e sonorità del Sud del mondo, tra Mediterraneo ed Oriente, culla di grandi civiltà che sembrano riecheggiare fra le note di “Mythos Methamorphosis” terzo capitolo della saga musical-poetica narrata da Erodoto Project con la complicità del Mirò String Trio. Sullo sfondo le vicende di Aci e Calatea o della Sibilla Cumana raccontate da Ovidio nelle Metamorfosi. La mitologia ispira un percorso sonoro, fatto di melodiose ballate, sospese ed avvolgenti, dal taglio narrativo quasi cinematografico e man mano che il plot s'infittisce la tensione cresce. La musica di Erodoto Project ha dei tratti somatici e semantici unici e facilmente distinguibili, evoca e stupisce, cattura e conduce l'ascoltatore nei luoghi della memoria, della storia e del mito, attraverso sonorità contaminate che emergono da un mare di suoni. Su una solida architettura jazz s'innestano ritmi latini, echi della cultura siciliana, ambientazioni classicheggianti, profumi e note arabescate. Alla strumentazione tipica del jazz si affiancano i classici strumenti da sezione archi, della tradizione mediterranea, del Medio Oriente e dell'antichità pastorale siciliana. Bob Salmieri ney, sax tenore e soprano e friscalettu, Alessandro de Angelis grand piano e piano Rhodes, Maurizio Perrone contrabbasso, Giampaolo Scatozza batteria, Carlo Colombo percussioni, Fabiola Gaudio violino, Lorenzo Rundo viola e Marco Simonacci violoncello. I richiami all'epica classica e alle antiche leggende Mare Nostrum, cosi come i titoli delle varie tracce, diventano un pretesto, ma anche un punto di partenza per raccontare moderne odissee ed il viaggio perpetuo di tanti Ulisse del terzo millennio alla ricerca di fama e di ventura. La musica è il mare, a volte in tempesta, sospinto da una procella di suoni come una maga che trasforma, altre volte placido e disteso su un letto di note ad indicare una ben precisa rotta verso le sirene incantatrici. Basta l'iniziale “Meleagro” a prendere per mano il fruitore e condurlo in mondo fantastico fatto di forti suggestioni. La voce calda del sax di Bob Salmieri diventa, ripresa dall'evocativo piano di Alessandro De Angelis diventano gli interpreti e si fondono in un unico io narrante, esprimendo un jazz contemporaneo dal gusto internazionale di grossa cilindrata, ma dai tratti fortemente italici. “Aci e Galatea” si arricchisce degli archi che sopraggiungono come freschi getti d'acqua in un eden di ninfe, dove, nel mito, Aci vede trasformare il suo sangue di uomo innamorato in un fiume. “Ifi e Iante”, dove la vicenda di Ifi viene trasportata musicalmente in contesto sonoro moderno e metropolitano, attualizzando la tematica. Narra di una donna costretta in un corpo femminile, ma innamorata di un’altra donna, tanto che gli Dei le concedono di trasformarsi in uomo. “Sibilla Cumana” è una flessuosa ballata dall'aura magica, a cui gli archi conferiscono un ambientazione quasi melodrammatica. “Pasiphae” è un post-bob mid-range declinato con un voce limpida, ma con toni fortemente lirici. “Hierà” affida agli archi il compito della narrazione, che creano un dimensione misteriosa, squarciata da una luce lunare. “Dedalo”, si muove in un labirinto di suoni, dove i cambi di passo e gli umori s'infittiscono, ma sempre con un fare elegante, quasi un sottofondo all'eterno dilemma umano: il perdersi per poi ritrovarsi. Sax e piano giocano da protagonisti, con l'ottimo sostegno della retroguardia ritmica. “Danza della Luna” assume tutti contorni di un antico canto, come quello del pastore errante che vaga nella fitta selva dei propri pensieri; il doppio passo, vagamente “tanghèro” ci riporta in un clima quasi cinematografico. “Cauno e Bibli”, dove lo struggente incedere degli archi descrivono alla perfezione le lacrime di Bibli versate per divenire fonte e far fluire le paturnie degli amanti non corrisposti. Il piano ed il sax innalzano un peana agli dei. “Filitis delle Piramidi” si muove tra il berbero e l'arabesco per creare i contrafforti ad una suggestiva storia da raccontare. Sul finale “Leucosya” chiude il libro dei sogni con un vibrante intreccio che conduce in una dimensione a tratti fiabesca, a tratti divina. “Mythos Metamorphosis” è un contenitore di undici storie ritrovate che, per rinverdirne i fasti, l'Erodoto Poject sceglie una nuova formula descrittiva ed una moderna estetica narrativa che si affida al jazz mediterraneo dagli ampi orizzonti classicheggianti. Le storie e le leggende, i nomi di luoghi e personaggi sono solo uno spunto ed un'iniziale attrattiva, ma è la musica a regalare, costantemente, emozioni. ‎

Francesco Cataldo Verrina - www.ilventuno.com‎ 


Gli Erodoto Project sono una delle formazioni jazz più interessanti della Penisola. A due anni dal debutto con “Stories: Land, Men And Gods”, il quintetto è tornato con “Molòn Labè (Come And Get Them!)”, il cui genere di riferimento resta quel jazz mediterraneo che già aveva dato buoni risultati in passato. Registrato a Roma, “Molòn Labè (Come And Get Them!)” si apre con le trame avvolgenti della titletrack, che si schiude dopo un’intro piuttosto scarna. La disarmante dolcezza di “Gods Of Sicily” conduce verso “Blues For Tony Scott” e il suo umore malinconico. “Leonida” amplifica il respiro internazionale dell’album con richiami etnici e i suoi deliziosi cambi di ritmo, poi “Silent Mammouth” si regge su una sezione ritmica morbida e sognante sulla quale si stagliano fiati ispiratissimi. Le atmosfere restano vagamente oniriche in “Dervish Dream”, mentre ancora una volta compaiono profumi mediorientali. Dopo la seducente “Gitani Di Camargue”, gli Erodoto Project mantengono alto il livello con “Latino”, mentre la chiosa è affidata all’accoppiata “Big Father”, ariosa anche nella sua essenzialità, e “Istanbul Bossa”, dal ritmo decisamente più vivace e incalzante. “Molòn Labè (Come And Get Them!)” è un album che esprime tutto il fascino del jazz mediterraneo, figlio anche di strumenti appartenenti ad altre tradizioni come il ney e il daf, e che conferma il grande talento del quintetto. “Molòn Labè (Come And Get Them!)” è un altro ottimo lavoro in un anno molto roseo per il jazz italiano.

Piergiuseppe Lippolis - Music Map

L’ennesima tappa di un viaggio alla ricerca delle sonorità che caratterizzano il Mediterraneo

La nave di Erodoto Project torna a navigare il mare della musica con un nuovo cd propoposto all’Auditorium Parco della Musica di Roma a maggio e che sarà presentato ufficialmente il 15 settembre alla T.A.G Tevere Art Gallery.

“Molòn labè”. Cosa vuol dire e come nasce questo nuovo progetto?

«Molòn labè, letteralmente vuol dire “Vieni a prendere”, ed è la frase che Plutarco attribuisce a Leonida I re di Sparta, alla sua schiera di 300 soldati, in risposta alla richiesta di consegnare le armi avanzata dal re persiano Serse, al comando del più grande esercito mai visto, durante la battaglia delle Termopili - spiega Bob Salmieri, anima dell’ensemble - E’ una frase retorica che nel corso dei secoli è stata ripresa da più parti come simbolo di resistenza, di non resa anche davanti a una sconfitta certa. Per me vuol dire non perdere l’umanità, non lasciarsi trasportare verso quella mancanza di empatia dove invece spesso la vita ci conduce. L’abitudine alla visione della sofferenza altrui, rende molti di noi freddi,

impassibili nel migliore dei casi, nel peggiore, crudeli. E’ chiaro che mi ispiro come sempre alle vicende del Mediterraneo dei nostri giorni, prendendo come pretesto le vicende della nostra antichissima storia».

Quello dell’Erodoto Project e suo in particolare, è un viaggio che, come quello di Ulisse, tarda ad arrivare alla meta. Ogni porto è un’esperienza da incassare e raccontare inmusica. “Molòn Labè” lo possiamo intendere come un obiettivo raggiunto o come l’ennesimo porto di partenza attraverso il mare della musica?

«Nel mondo dell’arte, credo sia difficile parlare di mete raggiunte. Fortunatamente lo stimolo a proseguire la ricerca finora non mi ha mai abbandonato; bisogna a volte avere il coraggio di lasciarsi alle spalle le terre sicure e comode per andare oltre i propri limiti. Dopo venti anni di Milagro Acustico e una decina di Cd pubblicati, avevo bisogno di provare un’altra strada, di mettermi ancora una volta alla prova e l’incontro con il pianista Alessandro de Angelis è stato fortunato; tornare al jazz, per quanto contaminato dal nostro retroterra, è stato un buon punto di svolta. In due anni abbiamo prodotto due album e stiamo già progettando il prossimo lavoro».

Dalle coste della Sicilia attraverso Istanbul passando per la Camargue francese. Come avete costruito l’itinerario di questo nuovo viaggio musicale?

«Direi un itinerario condiviso; abbiamo sperimentato con Alessandro un nuovo modo di concepire i brani e le storie; abbiamo cominciato a scrivere insieme le canzoni, miscelando le nostre diverse sensibilità. La maggior parte dei brani anche del primo disco, hanno subito influenze reciproche ma in questo caso, abbiamo lavorato a quattro mani ed il risultato sono brani come Molòn labè e Blues for Tony Scott. E’ una esperienza nuova per me e la trovo molto positiva ».

L’integrazione, non solo musicale, è sempre stato un punto fermo della sua ricerca musicale. L’ultima volta che ci siamo sentiti la situazione, in Mediterraneo, non era così drammatica come oggi. La Libia, la Siria, le tensioni internazionali e, soprattutto, una politica dell’accoglienza che sta portando l’Italia (e molti Paesi dell’Europa) verso una pericolosa deriva. Cosa pensa di tutto quel che sta succedendo?

«Quello che mi spaventa di più, è la mancanza di intellettuali, capaci di generare un pensiero lucido e consapevole per comprendere quello che è successo in questi ultimi 50 anni e come pensare il futuro del pianeta, per i prossimi 50 anni. Non ci sono strategie comuni, manca addirittura il buonsenso. Ci toccherà pagare il conto dei danni che abbiamo fatto in questi ultimi due o tre secoli. Cito il grande sassofonista James Senese: “L’Occidente accende il fuoco e poi lo vuole spengere!”».

Anche questa volta, il cd esce sotto l’egida dell’etichetta Cultural Bridge. Quali altri progetti avete in cantiere?

«Cultural Bridge è una realtà discografica che ho fondato nel 2013 e che ci ha dato la possibilità di renderci autonomi e di gestire personalmente tutte le fasi del nostro lavoro creativo e produttivo. Lavoriamo solo su progetti nostri o di artisti che ci interessano veramente. A Ottobre uscirà un Cd digitale di Milagro Acustico che ripropone il live di Sicilia Araba registrato a Roma nel 2015. Per il prossimo anno pensiamo di realizzare un altro cd di Erodoto Project e poi un nuovo live di Milagro Acustico che aprirà una nuova strada, sarà una sorpresa per chi ci segue».

Leonardo Lodato - La Sicilia

 

The title track opens Molon Labe and is a strong, swingy number with gorgeous, sensual Latin-esque overtones and a rich, rhythmic gait right the way through. Melodic sax sings across a solid rhythm section. There is a change of pace in the second third, with a keyboard-led section before the sax leads again and the piece sashays its way towards the drum solo, before continuing to its resolution.

“Gods of Sicily” is atmospheric, spacey and after a keyboard-led intro, the sax sets the gentle theme, with the swaying rhythms of the ocean prevailing underneath, combining the softness of the Rhodes with the percussive, rhythmic and Marco Loddo’s heavy bass line which the sax soars over. “Blues for Tony Scott” is gentle, with breathy, reedy tenor over soft, whimsical support. The style is in that of the great clarinetist to whom the track is a tribute. There is a lovely piano section from Alessandro de Angelis. The sax, is gentle and respectful, with a deep, sonorous bass line in support.

“Leonida” is introduced by de Angelis’s piano before Bob Salmieri adds a light, textured and atmospheric theme on a ney flute. The piano then takes the lead once again, with the ney twinkling and sparkling across the top. Those breathy slurs up to the notes are so typical of Eastern sounds, and the atmosphere is distinctly far Mediterranean. Loddo’s bass solo sets a change before the ney and piano work their magic once again in support. “Silent Mammouth” is anything but silent with deep, beautiful sax over a sultry, sexy samba with a burgeoning excitement bubbling underneath. This is an engaging track and drenched with atmosphere.

“Dervish Dream” is eerily evocative, beginning as it does with a slowed-down Latin rhythm and percussive sounds (all gentle and subtle) of beads, cords and coins – maybe a market place? The piece builds with the sax entering and thematically taking us on a different journey, away from the market, now soaring yet still within earshot of the bells and whistles heard before. A delight of a track and dripping with atmosphere. The highlight of the music is Alessandro de Angelis’s piano solo which hits at the peak of ascension. The track then slowly, gently, lays the listener back to rest, the sax singing us of the dreams. Lovely.

“Gitani di Camargue” is precocious in its theme and tempo changes, including some clapping, the resonance of the daf drum and de Angelis’s gorgeous piano lines. “Latino” is, well, Latin in style and delivered with a lot of fire, some amazing rhythms and a swinging feel.

“Big Father” is heralded by sax before piano joins and together with Marco Loddo’s bass underpinning, they set off on a groove which is deep and emotive. The sax rises, soars and ebbs with a sweetness and emotion which is engaging and Alessandro de Angelis’s piano section is trinkly, pretty and works its way up to a crescendo of deftly delivered melody. The sax then drops and leads to a gentle piano-led section featuring bass underpinning with steady and inventive lines. “Instanbul Bossa” closes out Erodoto Project’s Molon Labe, and is lively. The rhythms are set by Giampaolo Scatozza’s drums and picked up by the Loddo’s bass, then quickly everyone follows. A great track to finish the album.

There is a marriage about Molon Labe, the marriage of jazz, Eastern and Latin sounds – but with a twist which makes it individual. The deep thrum of the daf and the light notes formed by the ney are used to introduce sounds which are redolent of specific musics but which also lend themselves to this mix of cultures. The strength of the sax playing is phenomenal, but there are also stellar solo spots and stolid support work from the rest of the band. Enjoyable, well-honed and expertly delivered, this is a really engaging recording.

Sammy Stein https://somethingelsereviews.com/

Ogni terra ha un cuore. Ogni cuore un battito. Tutti diversi tra di loro e ognuno con delle similitudini. Il pulsare perpetuo, sotterraneo e poi superficiale, il movimento magmatico, diventa ritmo; miscelato ai suoni della natura e filtrato dalla sensibilità umana si trasforma in note e diventa musica… e il movimento diventa ballo. Bob Salmieri con il suo sassofono possiede il soffio vitale in grado di scaldare il cuore di ogni terra. Indagare a fondo per fiutare le differenze tra cuore e cuore e trovare i filoni disseccati delle similitudini; individuarne di altri, aprirne nuovi per far fluire più sangue, per tenerlo sospeso, come oggetto prezioso, per permettergli di emettere liberamente e eternamente le sue pulsazioni, i suoi ritmi. Un percorso basato sul dialogo interculturale in musica, avviato già, con la formazione degli Erodoto Project, nel precedente lavoro, “Stories: Lands, Men and Gods” e continuato con questo nuovo “Molòn Labè”. Grazie alla collaborazione di musicisti estremamente talentuosi come Alessandro de Angelis, Giampaolo Scatozza, Marco Loddo e Carlo Colombo, con la partecipazione della estatica danzatrice Chiara Salvati, e con la conoscenza approfondita di strumenti poco utilizzati nelle partiture occidentali come il ney (antico flauto ricavato da una canna), il kaval (simile a un flauto in legno) o il daf (tamburo a cornice)… lungo la lista dei brani si avverte una affiatata sintonia che crea un’atmosfera magica e riflessiva, sostenuta e coinvolgente. Spingendosi oltre le rotte del Mediterraneo, verso territori ancora più lontani, sino a solcare gli oceani dall’altra parte del mondo con lo spirito indomito di Leonida che urla “Molòn Labè” (traducibile in: Vieni a prendere, o Vieni a prenderle le nostre armi, o ancora Vieni a prenderci) a chiunque intimi loro di arrendersi, o voglia creare barriere, muri, ostacoli o divisioni… e contemporaneamente, con la stessa voglia pura di arricchirsi di Francesco e dei suoi fraticelli che accolgono la danza rotante derviscia, conosciuta lungo le coste nordafricane entrando in contatto con i mistici del posto, durante il loro pacifico vagare, per portare la parola del Vangelo in giro per il mondo. Così nascono brani dall’incanto assoluto, come Dervish Dream o Gitani Di Camargue, Latino o Istanbul Bossa, in grado di allargare la visione del Jazz ai ritmi tradizionali di tutto il pianeta tessendo nuove trame di sogni proiettati verso la condivisione; per sospendere il tempo e aprire vie nuove alle emozioni, portandole dal cratere del cuore alle lacrime degli occhi, ai brividi sulla pelle, al trasporto dei sensi.

Capitan Delirio - Magazzini Inesistenti

Erodoto Project guidata dal fiatista Bob Salmieri torna con Molòn labè (Cultural Bridge) ed è festa grande per chi ama il jazz "etnico", con aromi mediorientali e gypsy e con elementi coreutici sul palco: con un tributo al grande Tony Scott che da solo vale il CD. 

Guido Festinese - Alias il Manifesto

This is the second album by the Italian Erodoto Project, led by saxophonist / composer Bob Salmieri, which also includes pianist Alessandro De Angelis, bassist Marco Loddo, drummer Giampaolo Scatozza and percussionist Carlo Colombo. The album presents ten original compositions, seven of which were composed by Salmieri, one by De Angelis and two co-composed by them both.

The music is a lush, sensuous and beautifully melodic European Jazz with a strong Mediterranean and to some extent Latin feeling. The compositions are all excellent, with typical Italian Jazz harmonic sweetness, which is simply heartbreaking. This music is here to caress and explore the beauty of the tunes, without trying to impress or overwhelm. The masterly balance between the accessibility of this music and its elegance is achieved in full, without compromising the artistic Jazz values.

The individual performances are all excellent, with Salmieri playing subtle saxophone parts but also using the ney (Middle Eastern flute) and De Angelis playing both acoustic and electric pianos. The presence of the percussion on all the tunes is very appropriate for this music and adds to its value. The rhythm section is supportive, but not obtrusive, doing exactly what is required in this type of music.

Overall this is a kind of album that should not be overanalyzed, but simply enjoyed to the max, preferably with a glass of wine in one's hand.

Adam BaruchThe Soundtrack Of My Life

Decisamente aderente la definizione mediterranean jazz per descrivere l'Universo sonoro degli erodoto Project, ensemble nato dalla fervida creatività artistica di Bob Salmieri (già animatore di Milagro Acustico, storica formazione nostrana di World Music) e da quella di Alessandro de Angelis. Un'0tichetta musicale che, ancora di più, identifica questa seconda riuscita prova (dopo lìottimo esordio di Stories: Lands, Men
& Gods), intitolata Molòn Labè. A differenza dell'esperienza Milagro, infatti, le sonorità mediterranee e quelle mediorientali (evocate da strumenti come ney, daf, e tambur) sono qui perfettamente amalgamate in un impianto jazz che si muove agevolmente tra passato e presente, lasciando libero sfogo a quelle caratteristiche d'improvvisazione che costituiscono da sempre un marchio di fabbrica /Leonida, Dervish
dream). E Molòn labè (letter4almente vieni a prendere) espressione di sfida che unisce gli eroi classici ai migranti del presente, rappresenta bene anche la forza dirompente di questa musicalità senza confini
Tonino Merolli Raropiù


Secondo capitolo discografico del progetto collaterale del polistrumentista Bob Salmieri (sax tenore e soprano, ney, daf, tambur), cuore e mente del raffinato recupero di memoria della Sicilia araba portato avanti da decenni da Milagro Acustico. L’espressione “Molòn Labè” del titolo ci riporta indietro al tempo della grecità: lo storico Plutarco, infatti, l’attribuisce a Leonida, il sovrano spartano che con un manipolo di soldati, alle Termopili, rifiutò la resa di fronte al preponderante esercito persiano di Serse. La frase ha assunto il significato simbolico di resistenza, rappresentando la dichiarazione di chi, pur di fronte a una sconfitta certa, non perde la dignità. Per il musicista siciliano “Molon Labè” figura l’urgenza di non perdere l’umanità, di non assuefarsi di fronte ai tragici avvenimenti contemporanei, che hanno gettato una nera coltre di morte su quel Mediterraneo, un tempo mare di confluenze e mescolamenti. L’orizzonte disegnato dall’Erodoto Project è ampio: Salmieri unisce la sua sensibilità jazzistica a quella del pianista Alessandro de Angelis, con cui condivide la scrittura di una parte delle dieci tracce dell’album. A completare l’organico, ci sono Marco Loddo (contrabbasso), Giampaolo Scatozza (batteria) e Carlo Colombo (percussioni), dal vivo, poi, entra in scena anche la danzatrice Chiara Salvati. Se proprio si desidera incasellare il sound del quintetto, con buona approssimazione si può parlare di jazz mediterraneo, fluido e privo di forzature, come da subito si avverte nella piacevolezza d’ascolto della title track, messa in apertura del disco, che si protende nella morbida “Gods of Sicily” e nella compatta costruzione d’insieme che contraddistingue “Blues for Tony Scott”, scritta a quattro mani da Salmieri e de Angelis. Il respiro del ney guida “Leonida”, tema che si apre ad apporti ritmici e melodici di area-mediorientale, combinati con lo spirito improvvisativo del quintetto. Dopo il nitore e la scioltezza di “Silent Mammouth” entra “Dervish dream”, dove sax e piano disegnano atmosfere ammalianti. “Gitani di Camargue”, composizione del pianista, si impone per i più marcati sentori popolari, mentre lo stesso titolo spiega l’essenza di “Latino”. “Big Father” gira intorno al dialogo tra sax tenore e piano, sostenuti con misurata discrezione dalla sezione ritmica. Infine, l’appagante “Istanbul Bossa” qualifica ancora il lavoro, svelando ancora una volta il riuscito compenetrarsi di andature ritmiche anatoliche e di procedure jazz. Disco fascinoso ed espressivo.

Ciro de Rosa - Blogfoolk




Erodoto Project nasce nella primavera del 2016. Avevo l’esigenza di cambiare linguaggio, di riavvicinarmi al jazz, di continuare a raccontare il Mediterraneo utilizzando altri strumenti. Fortunato è stato l’incontro con il pianista Alessandro de Angelis e il batterista Giampaolo Scatozza, conosciuti per puro caso. Con Alessandro abbiamo firmato tutti i brani del CD, eccetto “Amara terra mia”. Ci compensiamo moltissimo: lui ha una scrittura lirica, elaborata, intimista che si affianca alla mia che è più impulsiva, latina e selvaggia. Tutti e due componiamo i nostri brani tenendo presente i legami con le nostre radici, il Mediterraneo con la sua storia, che diviene il pretesto per raccontare il Mediterraneo di oggi. Si affiancano al trio Armanno Dodaro al contrabbasso, Gabriel Oscar Rosati alla tromba e flicorno e Carlo Colombo alle percussioni». Sono le parole con cui Bob Salmieri – già leader di Milagro Acustico, ensemble di esperienza ventennale – presenta “Stories. Lands, Men & Gods”, l’esordio dell’Erodoto Project, un album dal profilo “Eastern Mediterranean Jazz”, definizione scelta come sottotitolo di copertina dello stesso lavoro. Non sorprende che Bob, – romano di famiglia originaria di Favignana, emigrata a Tunisi, dove nacque suo padre – il quale ci ha abituati a percorrere le geografie sonore del Mediterraneo, scavando nella storia di incontri di popoli e di lingue, abbia scelto come nume tutelare Erodoto, il viaggiatore-cronista di Alicarnasso: iniziatore della riflessione antropologica su alterità, etnocentrismo e relativismo culturale. L’immagine di copertina è stata scattata in Cappadocia, Turchia, dallo stesso Salmieri, che ricorda: «Il vento che entrava nelle brocche faceva strani suoni, sembravano voci, racconti. Ho immaginato questo Mediterraneo che non dimentica, che continua a raccontare in perpetuo i suoi miti, le sue leggende e che ci aiuta a guardare con altri occhi, le storie dei nuovi eroi di questa epopea infinita del viaggiare nel Mare Nostrum che sono i migranti di oggi». Il nuovo impegno artistico riconduce il polistrumentista (sax tenore e soprano, ney, clarinetto) alla sua formazione jazzistica. Cosicché gli undici brani tratteggiano un orizzonte in cui il jazz è infuso di suggestioni ritmiche e melodiche provenienti dalle sponde sonore del “piccolo mare”. Su queste coordinate espressive procedono le composizioni, tutte originali ad eccezione del celeberrimo brano di Modugno, ”Amara terra Mia”, reso in versione strumentale, dal momento che la rinuncia alla voce, si concilia con la scelta estetica del polistrumentista di distanziarsi concettualmente dal sound dei Milagro. Spiega Salmieri: «I brani hanno un tema costruito su melodia, armonia e ritmo definiti. Le improvvisazioni, invece, sono estemporanee così come alcune piccole modifiche nella struttura o nel ritmo. Il disco è stato registrato nello studio di Clive Simpson e lo abbiamo immaginato come un vero e proprio live, con una o due take per brano». Di notevole interesse e qualità l’apporto che ciascun membro dell’ensemble offre in termini di solo e di accompagnamento. Se “Eastern Breath”, “Stories e “Mantle of the Night” sono i nostri numeri favoriti, anche gli altri brani, intrisi di solarità, e dai titoli evocativi: “Tarantel”, “Muñecas”, “Itaca”, “Donna con chitarra”, “Elea”, “Taurus” e “Navajas” evocano trame, luoghi, miti e tempi remoti e si lasciano ascoltare con grande trasporto.

Blogfoolk - Ciro de Rosa

Questo nuovo progetto di Bob Salmieri, etichettato come "eastern mediterranean jazz", si rivela opera di gran classe.
Ricordiamo Salmieri impegnato anche nell'ottimo progetto world music "Milagro Acustico", per la stessa etichetta. In questo caso le atmosfere che si respirano sono chiaramente molto jazzate, ma tra le divagazioni che offre questo album di undici brani della durata di quasi un'ora, vogliamo ricordare la gustosa interpretazione di "Amara terra mia" di Modugno. Nell'ensemble troviamo dunque Bob Salmieri neu, sax soprano e tenore; Alessandro de Angelis pianoforte, piano Rhodes; Giampaolo Scatozza batteria; Ermanno Dodaro, Contrabbasso; Carlo Colombo, percussioni e special guest Gabriel Oscar rosati tromba e flicorno.Abitualmente non parliamo molto di musica jazz su queste pagine, ma in questo caso rendiamo onore ad un prodotto che sarà apprezzato sicuramente anche dal nostro pubblico. Sul sito internet www.erodotoproject.com troverete tutte le informazioni su questo ambizioso progetto multiculturale.

Lineatrad

Erodoto può essere considerato il primo "giornalista" della storia, a causa della sua curiosità nel cercare di capire il mondo civile e il mondo di cui ben poco si sapeva, considerato "barbaro". Questa curiosità lo spinse a viaggiare ed a vedere con i propri occhi quello che stava succedendo nel mondo. Le sue storie e le sue cronache di guerra sono state tramandate attraverso i secoli, fino a noi. “Abbiamo voluto che fosse una fonte di ispirazione per le storie che volevamo raccontare, i viaggi, gli incontri, il rispetto per la musica”, dice Roberto “Bob” Salmieri, musicista, compositore e polistrumentista italiano, fondatore del progetto, insieme con Alessandro De Angelis. A loro si uniscono altri validi musicisti che compongono l’ensemble, più qualche special guest invitata espressamente per questo progetto. Il loro è un “jazz mediterraneo”, tra il Medio Oriente e la Sicilia, nel quale l’uso di strumenti come il Ney e le Congas – insoliti nel jazz – crea un sound originale ma facilmente riconoscibile, che riporta alla mente già al primo ascolto le atmosfere e i profumi dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Le composizioni sono tutte originali ad eccezione di “Amara terra mia”, antico canto della tradizione italiana della Basilicata, che parla di emigrazione italiana del dopoguerra, portata al successo da Domenico Modugno. Ma in quasi tutti i brani è forte il tema della terra d’origine e dell’emigrazione. D’altra parte gli stessi nonni di Salmieri emigrarono in Tunisia, ovvio, quindi, che questa "multiculturalità" si ripercuota sulla musica e sul sound della band. L’album - non di facilissimo ascolto, ma che non mancherà di appassionare gli amanti del jazz e della world music – verrà presentato dal vivo all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 19 Aprile.

Music Map Francesco Arcudi


Erodoto Project è la nuova creatura scaturita dalla vulcanica inventiva musicale di Bob Salmieri. L'asticella, nel caso di questo esordio intitolato Stories: Lands, Men & Gods, si sposta notevolmente verso le sonorità jazz. rispetto al parallelo progetto Milagro Acustico, ma si tratta pur sempre di musica che accoglie naturalmente influenze etniche e in particolare colori e melodie tipiche del bacino Mediterraneo. Le bellissime composizioni strumentali racchiuse nell'affascinante lavoro, sono quasi tutte originali (opera del leader e dell'ottimo pianista Alessandro de Angelis), escludendo una personale rielaborazione del classico popolare Amara terra mia, portato al successo da Domenico Modugno. Quello che colpisce poi, è l'ottima tecnica e l'inventiva dei vari musicisti coinvolti, a partire dai due già citati e proseguendo con il reparto ritmico formato da Giampaolo Scatozza e Carlo Colombo,senza dimenticare le ottime prove del contrabbassista Ermanno Dodaro e dall'estroso trombettista Gabriel Oscar Rosati. Insomma, un lavoro che apre nuovi orizzonti nel creativo percorso di Salmieri (ma non solo) e che vuole essere una testimonianza musicale di storie, viaggi ed incontri alla maniera di Erodoto, forse il primo "cronista" della storia, un vero e proprio reporter del Mondo antico in grado di tramandarci testimonianze del mondo greco e di quello dei popoli considerati un tempo "barbari"
Raropiù - Tonino Merolli

This is an album by Italian Jazz quartet Erodoto Project, led by saxophonist Bob Salmieri, with pianist Alessandro De Angelis, bassist Ermanno Dodaro  and drummer Giampaolo Scatozza. Trumpeter Gabriel Oscar Rosati and percussionist Carlo Colombo appear as guests. The album presents eleven tracks, six of which are originals by Salmieri and four by De Angelis, and one is a Pop song by the legendary crooner Domenico Modugno.

The music is melodic mainstream European Jazz, which incorporates subtle World Music influences, mostly Middle Eastern and Latin. All the melodies are beautifully and carefully woven, which is quite typical of Italian Jazz, known for its strong ties with melody and harmony. There is a wide stylistic diversity within the compositions, which of course generates new interest with each of the tracks. The overall level of the compositions is truly impressive.

The performances do not fall behind the compositions and all four members of the quartet and the quests are highly skilled and more importantly highly sensitive players, who are able to make the most out of the compositions and present an excellent ensemble effort, as well as play impressive solos. Salmieri, who plays tenor and soprano saxophones, ney (Middle Eastern end-blown wooden flute) and clarinet, proves to be a multitalented player and his solos are all top notch; De Angelis is wonderfully harmonious and elegant, and the rhythm section drives the music firmly and skillfully.

Overall this is a very pleasant and rewarding musical experience, which proves that sophisticated and well done mainstream Jazz is still relevant, especially when created by European musicians. The album also offers splendid sound quality and altogether should satisfy most Jazz connoisseurs the world over. Well done!

Adam Baruch - The Soundtrack Of My Life


Stories: Lands, Men & Gods (Cultural Bridge 2017)


Leggete la storia di Bob Salmieri. Romano, classe 1958. La sua famiglia è originaria delle Egadi e, agli inizi del '900, si trasferisce da Favignana, l'Isola-Farfalla, a Tunisi, dove nasce suo padre.

Il sangue di Bob è intriso di storie, le stesse che ama raccogliere e raccontare con l'ensemble musicale Milagro Acustico. E' la storia del Mediterraneo e dei suoi popoli, così lontani eppur così vicini. Oggi più che mai.

Il cammino ventennale dei Milagro Acustico non è finito. E' solo in un momento di “pausa di rifessione”. Riflessione nata dall'idea di Bob Salmieri di mettere su l'Erodoto Project – Eastern Mediterrnean Jazz.

“Dopo vent'anni con Milagro – spiega Salmieri - è difficile mantenere una determinata lucidità ed unità di intenti. Avevo bisogno di un'altra formazione dove non ci fosse la voce e, quindi, un collegamento troppo concettuale con le precedenti esperienze anche se non ho mai avuto intenzione né di abbandonare i Milagro, né di interrompere il discorso legato alla nostra ricerca sui suoni del Mediterraneo. Mi sono ricordato le mie origini musicali. Vengo dal jazz e l'Erodoto Project è un gruppo che fa un po' da sponda per l'altro ma anche per tirare fuori idee nuove”.

Il debutto ufficiale All'Auditorium Parco della Musica di Roma, pochi giorni fa, per presentare il cd intitolato “Stories - Lands, Men & Gods”, prima pubblicazione dedicata al jazz nostrano dall'etichetta indipendente Cultural Bridge.

“E' stato un bellissimo concerto – racconta ancora Bob Salmieri - E' andata benissimo, e mi ha colpito vedere tanta gente partecipare con calore anche se si tratta di un progetto nuovo e diverso da Milagro”.

Di certo, ascoltando questo cd, non possiamo non parlare di un “progetto parallelo” a Milagro Acustico, dove il filo comune parte proprio dal titolo, da quelle storie di terre, uomini e dei.

“Mi piace sottolineare, nella mia musica, come, parlando di quel che accadeva nel Mediterraneo mille o duemila anni fa, in fondo parliamo esattamente di quello che succede oggi”.

Nel disco suonano, con Bob Salmieri (sassofoni, ney e clarinetto), Alessadro de Angelis (piano), Ermanno Dodaro (basso), Giampaolo Scatozza (batteria), oltre ad alcuni ospiti (Gabriel Oscar Rosati e Carlo Colombo, rispettivamente a tromba e percussioni.

Nume tutelare del cd è Domenico Modugno. La splendida interpretazione che l'Erodoto Project offre della sua “Amara Terra Mia”, fa pensare al Modugno “simbolo” della globalizzazione mediterranea. Lui, pugliese che, ad inizio carriera, si spaccia per siciliano. Lui che decide di trascorrere le ultime ore della sua vita affacciato sul Mediterraneo da quel balcone d'eccezione chiamato Lampedusa.

“E' la prima volta – confessa Bob Salmieri - che suono un brano non originale. E' stata una scelta naturale. 'Amara terra mia' l'ho avuta sempre in testa fin da bambino. Ogni volta che la ascoltavo mi faceva venire i brividi”.

Gli altri brani del cd sono originali, firmati da Salmieri e de Angelis.

“Quello con Alessandro de Angelis è stato un incontro fortunato. Nella stessa sera ho conosciuto sia lui che il batterista, ed è nata l'idea di questo gruppo”.

Perché Erodoto Project?

“Di Erodoto mi piaceva l'idea di riprendere il modo in cui raccontava quello che vedeva. Soprattutto di trasmettere agli altri le conoscenze sulle cause di ciò che raccontava. E' quello che piace fare anche a me. Per capire il Mediterraneo bisogna capire quello che c'è dietro. Viaggiare, conoscere popoli, descrivere altre storie. Tutto questo mi ha sempre affascinato”.

Leonardo Lodato - La Sicilia

Si inserisce alla perfezione nel solco della grande tradizione del Jazz italiano questo ultimo lavoro denominato “Stories: Lands, Men & Gods” e prodotto dagli Erodoto Project, un fresco ensemble di musicisti di varia estrazione (sempre nell’ambito del Jazz attuale), che si riunisce intorno al nume tutelare di Erodoto, il primo cronista della storia, per raccontare in musica le avventure e le disavventure dei migranti dei nostri mari… di questo periodo storico, come quelli di ogni epoca, anche lontana. Come sottotitolo al progetto, infatti, scelgono “Eastern Mediterranean Jazz”, proprio per sottolineare la loro appartenenza mediterranea in senso lato. L’impianto dei brani è tipicamente Jazz, con un piacevolissimo equilibrio tra melodie, armonie, ritmi e gli assolo dei vari musicisti che a turno esaltano il proprio talento. A questa già validissima struttura vengono aggiunti elementi di assoluta originalità, come l’inserimento di strumenti provenienti dalla Turchia o dal Medio OrienteDafKlarinet, che imprimono ai brani andamenti esotici; che poi i mari, in qualche modo, sono tutti uniti tra di loro, un unico grande mare, per cui le influenze non si fermano al Mediterraneo ma arrivano anche da tutti gli altri sud del mondo. Questo è possibile grazie al fortunato incontro tra Bob Salmieri e Alessandro De Angelis, autori di tutti i brani, ad esclusione di Amara Terra Mia, che, invece, è di Domenico Modugno, proposta nel disco in chiave strumentale. Bob Salmieri, qui apprezzabile al sax tenore e al soprano, ha già una grande esperienza nell’ambito della World Music, essendo il Laeder dello storico gruppo dei Milagro Acustico, con collaborazioni che si estendono a livello internazionale, impartisce il giusto groove al sound del disco. Alessandro De Angelis abile tessitore delle trame melodiche al Grand piano e al Rhodes piano, possiede la sensibilità necessaria per interagire in massima sintonia. Ai due si aggiunge la virtuosa frenesia di Giampaolo Scatozza, eclettico batterista che sa spaziare tra i generi e la felpata fantasia alle corde del contrabbasso di Ermanno Dodaro, in grado di dialogare con gli altri strumenti ad altissimi livelli. Ogni brano ha un suo racconto da donarci, una terra da farci scoprire, in cui uomini e dei spesso collaborano, altre volte si scontrano, per scrivere ognuno la loro storia e la loro leggenda. Ci sono dei momenti dell’album in cui la sintonia tra i musicisti tocca vertici da capogiro e provoca brividi a fior di pelle, come in Eastern Breath o Stories, come in Donna Con Chitarra o Mantle Of The Night ma, la lista delle tracce merita di essere ascoltata con attenzione nella sequenza proposta nell’incisione, per farsi trascinare in questa favolosa narrazione sonora dalle mille e una notte e dalle mille e una nota.

Capitan Delirio - Magazzini Inesistenti


Erodoto Project "Stories" 
Cultural Bridges, 2017

Bob Salmieris musikalische Spuren kann man über eine Linie von Tunesien über Sizilien bis nach Rom verfolgen. Die tunesischen Vorfahren des Künstlers spielen dabei ebenso eine Rolle, wie sein feines Gespür für mediterrane Atmosphäre. Neben dem eigenwilligen Project Milagro Acoustico, bei dem er sich in die Geschichte Siziliens hineinversetzte, ist das Erodoto Project ein weiterer musikalischer Meilenstein des 1968 in Rom geborenen Multiinstrumentalisten und Schriftstellers. Als Grundlinie des Albums “Stories - Lands, Men and Gods” ist der mediterraner Jazz zu nennen. Die Geschichten, die er in ausgefeilten Arrangements erzählt, handeln von den Menschen am Mittelmeer, von dem Bild des Meeres, das bis heute maßgeblich von den Sagen der Griechen gezeichnet wird, aber auch von der Jahrtausende alten Geschichte von Flucht und Neuanfang. Bob Salmieri bleibt bei dieser CD seinem Lieblingsinstrument, dem Saxophon treu. Neben Alessandro de Angelis, der meisterhaft die Tasteninstrumente bedient, gehören Giampaolo Scatozza an den Drums und Ermanno Dodaro am Bass zum Project. Hervorzuheben ist auch der Trompeter Gabriel Oscar Rosati, der ebenso als Gast mitwirkt wie Carlo Colombo als Perkussionist. Der Eastern Mediterran Jazz des Erodoto Projects bringt die Stimmung des östlichen Mittelmeers ambitioniert mit dem europäischen Jazz zusammen. 
© Karsten Rube - Folkworld n. 64